ANGIOSPERME

Le Angiosperme sono una vasta classe di piante comparse nel periodo cretaceo e fanno parte della divisione delle Magnoliofite che comprende approssimativamente 300.000 specie botaniche, erbacee, arboree, arbustive e lianose. Sono oggi le piante più diffuse ed importanti, sia dal punto di vista ecologico che economico.
Le Magnoliofite sono caratterizzate da un frutto che avvolge e protegge il seme, il nome Angiosperme che deriva dal Greco significa infatti "seme protetto". Si distinguono inoltre per la presenza di trachee vere e proprie unite a canali più grandi e specializzati, gli "elementi dei vasi", che rendono più efficiente il trasporto idrico, e per essere l'unica divisione che comprende piante erbacee in senso proprio.

Le Angiosperme sono nate come piante a impollinazione zoofila, tuttavia nel corso dell'evoluzione la maggior parte di esse sono passate ad una impollinazione per mezzo di agenti non biologici (es: il vento). Questo perchè come gli insetti sono utili per l'impollinazione sono anche dannosi, in quanto mangiano gli ovuli della pianta. Si pensa quindi che derivino dall'evoluzione di un gruppo di gimnosperme ormai estinte che avevano ovviato al problema sviluppando un carpello intorno all'ovulo per proteggerlo durante lo sviluppo. Si suddividono inoltre in due classi, i dicotiledoni e i monocotiledoni.


IL FIORE
external image image001.gif
Il fiore è composto da quattro tipi di foglie modificate: procedendo dall'esterno verso l'interno troviamo i sepali; quindi i petali, che servono ad attirare gli animali impollinatori; gli stami, responsabili della produzione del polline; infine i pistilli, composti da stigma, stilo, ovario e ovuli. Sullo stigma vengono depositati i granuli pollinici che, germinando, raggiungono l'ovario e fecondano l'ovulo.

L'IMPOLLINAZIONE

external image image002.gif


Gli organi preposti alla riproduzione delle angiosperme si trovano nei fiori. Gli organi maschili, detti stami, consistono di un peduncolo sovrastato dalle antere. L'organo femminile, detto pistillo, è composto dallo stigma, una struttura dalla superficie appiccicosa, che trattiene il polline; dall'ovario, che contiene l'ovulo con il sacco embrionale e i gameti femminili; e dallo stilo, un tubicino che collega lo stigma all'ovario (A). Il polline si forma nelle antere (B) e quando è maturo viene liberato (C). Ogni granulo pollinico contiene due gameti maschili. Nel caso dell'autoimpollinazione il polline si deposita sullo stigma del fiore stesso, mentre nel caso della fecondazione incrociata, che interessa la maggior parte delle piante, il polline viene trasportato fino a un altro fiore dal vento, dall'acqua, dagli insetti o da altri animali. A impollinazione avvenuta, il granulo pollinico sviluppa un tubicino (tubetto pollinico) che cresce all'interno dello stilo e che trasporta i due gameti maschili (nuclei spermatici): uno di questi, giunto all'interno del sacco embrionale dell'ovulo (D), feconda la cellula uovo che quindi si trasforma in seme. Il secondo si unisce invece ad altre due cellule del sacco embrionale, dette nuclei polari, formando una cellula triploide da cui si sviluppa l'endosperma, un tessuto del seme con funzioni nutritive. L'ovario quindi si ingrossa (E) e si trasforma in frutto.


LA RIPRODUZIONE
external image image003.gif


La riproduzione delle angiosperme, divisione dominante tra le piante superiori, avviene per via sessuata attraverso gli organi della riproduzione contenuti nel fiore, che rappresenta un efficacissimo adattamento evolutivo. Quest'organo, dotato sia degli organi maschili sia di quelli femminili (nelle piante ermafrodite), assicura infatti sia la protezione degli ovuli entro un involucro chiuso (ovario) sia la fecondazione interna, che si verifica per mezzo degli agenti impollinatori. Questi ultimi (vento, insetti e altri animali) trasportano il polline dagli stami al pistillo, favorendo il raggiungimento dell'ovulo all'interno dell'ovario. Inoltre, lo sviluppo di un frutto intorno all'ovulo fecondato (seme) incrementa la diffusione della specie: esso attira gli animali che, cibandosene, disperdono i semi indigeribili per un ampio raggio.

FONTI:http://it.wikipedia.org/wiki/Magnoliophytahttp://luimmortal.altervista.org/Biologia/Angiosperme.htm